[ad_1]

Nel 1961, a venticinque anni, Yves Saint Laurent aveva già conosciuto la fama.

Era già stato classificato come il delfino di Christian Dior, re della Couture parigina, che a quegli anni era l’unica moda possibile, ma era anche già stato messo da parte perché giudicato troppo ribelle e controverso. Fu allora che lo stilista algerino capì che era il momento di percorrere una sua strada. E di inventare una moda nuova, più giovane nell’atteggiamento quanto nell’estetica: il…



[ad_2]

Continua a leggere dalla fonte originale