[ad_1]

E’ arrivato in silenzio nonostante intorno a sé ci fosse il caos. Non per lui eh, anzi, ma per il club, per la Roma, per la cessione societaria, per lo stadio, per il rientro o meno di Totti, per il bilancio, le plusvalenze, la panchina di Fonseca, Dzeko, Milik… insomma, per tutto. Tranne che per lui. Ma questo ‘Pedro lo sa e gioca lo stesso’….



[ad_2]

Continua a leggere dalla fonte originale